Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

Il terremoto del 6 maggio 1976 in Friuli, ha segnato una ferita difficile da dimenticare per chi l’ha vissuta, ma anche per chi l’ha sfiorata, per chi l’ha vista passare ammiccando con l’occhio, come per dire ricordati di me, forse un giorno…

In questa occasione la vogliamo ricordare così, mediante le immagini di Gianni Cogoi, di Pozzuolo del Friuli, grafico di professione che durante quei giorni ha voluto riprendere con la fotocamera alcuni tratti, alcuni attimi tra quelli infiniti che sono apparsi sui giornali, sulle televisioni di tutto il mondo, e tramite le parole di Riccardo, che molti anni dopo ha cominciato a studiare quel fenomeno che lo ha solo sfiorato diventando un “sismoamatore” del FESN.

Segue la traduzione in lingua friulana con la cortese collaborazione di Barbara Dominici.


VENZONE IN TRE ATTI

di Riccardo Rossi

Atto primo

L’andare antico

Era un paese semplice, ma carico del peso delle tradizioni, quella del duomo e delle mura, delle mummie, con i loro volti stanchi e appisolati che incutevano un terrore muto, con lo sguardo nascosto, che i bambini cercavano invano di capire per raggiungere la loro storia.
Il tempo era quello dell’attesa, delle cose che non cambiano se non con le regole di un tempo vecchio, che si trascina avvolto dal drappo della stanchezza.
Venzone guardava la montagna che si spogliava dal suo ruolo di madre, poi guardava la pianura, con le fabbriche che nascevano perverse mentre deridevano il suo andare antico.

Prin at

IL LÂ VIERI

Al jere un paîs sclet, ma cjariât dal pês des usancis, chês dal domo e des muris, des mumiis, cu lis lôr musis strachis e indurmididis che a metin une pôre sorde, cuntune cjalade scuindude, che i fruts a cirivin dibant di capî par intindi la lôr storie.
Il timp al jere chel de spiete, des robis che a no cambiin se no cu lis regulis di un timp vieli, che a si strissine tapossât intun drap di strache.
Vençon al cjalave la mont che si gjave di intor il/disvistìs dal sô rûl di mari, daspò al cjalave la planure, cu lis fabrichis che inicuis e nassevin sbeleant il so lâ vieri.



Atto secondo

L’anima piegata

Venne senza essere stato chiamato, l’Orculat, lo spirito cupo del nulla. Ad ogni suo passo la notte si confondeva al vino, al rumore, al sangue e alle certezze del caos.
Lo spirito del nulla aveva incontrato il tempo antico e lo aveva invitato a nozze, poi lo aveva tradito e infine sconfitto.
Della tremenda rabbia e della forza scatenata, non rimaneva che un’anima piegata.
I volti coperti dal fango delle lacrime, gli abiti di festa dimenticati sotto alle pietre, il fuoco della cucina e il pane ancora caldo, nascosti sotto metri di rabbia e roccia.

Secont at

IL SPIRT PLEÂT

Al vignì cence jessi stât clamât, l'Orcolat, il spirt scûr dal nuie. A ogni so pas la gnot si confondeve al vin, al rumôr, al sanc e a lis sigurecis dal caos.
Il spirt dal nuie si jere cjatât cul timp vieri e lu veve invidât a gnocis, daspò lu veve tradît e tal ultin vinçût. De tremende rabie e de fuarce scjadenade, nol restave che un spirt pleât.
Lis musis cuviertis dal pantan des lagrimis, i vistîs de fieste dismenteâts sot des pieris, il fûc de cusine e il pan ancjemò cjalt, taponâts sot metris di rabie e piere.



Atto terzo

L’anima si piega, il cuore no.

Il cuore è lontano dall’anima, il cuore è fermo nella roccia, quella grigia e dura che traspare dallo sguardo dei friulani.
Dalla montagna la certezza, dal fiume il movimento, dal cielo la speranza. E poi le mani, quelle di tutti, a trascinarli fuori, a figliare un nuovo terremoto…
Come faremo la nuova Venzone?
La faremo uguale!

Tierç at

LA ANIME SI PLEE, IL CÛR NO

Il cûr al è lontan de anime, il cûr al è fer inte piere, chê grise e dure che e stralûs de cjalade dai furlans.
De mont la sigurece, dal flum il moviment, dal cîl la sperance. Daspò lis mans, chês di ducj, a tirâju fûr, a fiolâ un gnûf taramot….
Cemût fasarìno la gnove Vençon? La fasarìn compagne!



PER NON DIMENTICARE

Stai attento ragazzino, stai attento all' "Orcolàt"
Scende dalle montagne, come un pazzo corre
Durante il pranzo alla tua porta busserà
Ce n'è anche per me? E' pronto il piatto?
Con la sua voce trista e forte ti chiederà.
Afferra il tuo coraggio, avverti mamma e papà
E non aprire mai. Tu lascialo picchiare
Lascia la porta sbattere, la porta tremare
Canta più forte di lui, cerca un buon riparo, non ti allontanare
E poi ritorna a correre, torna sicuro al tuo giocare.
Ma con il cuore in mano e nella tasca un sasso
Per rifuggire la paura e non dimenticare.

 



PAR NO DISMENTEÂ

Sta atent tu frutin, sta atent dal Orcolàt
Al ven jù dal mont, al tire come un mat
Al tucarà te puarte biel dal to gustâ Ind'ise ancje par me? Isal pront il plat ?
Cu la sô vôs ledrôse e fuarte ti domandarà.
Grampe dut il to coragjo, vise la mame e il papà
E no sta vierzi mai. Tu lassilu pocâ
Lasse il barcon che al sbati, la puarte a sdrondenâ
Cjante plui fuart di lui, cîr un bon puest e sta lâ.
Daspò torne subit a cori, torne sigûr a zuiâ
Però cul cûr tes mans e te sachete un clap
Par lassâ daûr le pore, par no dismenteâ.



 
43°
°F | °C
Cloudy
Humidity: 96%
4 mph
Sondaggi
Ritieni che avere più informazioni sul terremoto possa essere utile ad affrontare l'evento?
 
Links
I.E.S.N.
Rete Sismica Sperimentale Italiana
Protezione Civile
Portale della protezione civile della regione Friuli Venezia Giulia
Regione
Riferimento della regione autonoma del Friuli Venezia Giuglia.
A.R.I.
Associazione di radioamatori italiani.
C.R.S.
Centro Ricerche Sismologiche di Udine.
O.G.S.
Osservatorio Geofisico Sperimentale - Sede di Trieste
Comune di Pozzuolo
Sito del Comune di Pozzuolo del Friuli
Osservatorio Sismico Apuano
Osservatorio per la ricerca e lo studio del fenomeno sismico.
Meteo Basaldella
Sito della stazione meteorologica amatoriale di Basaldella