Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

Grafico da: I regni della Vita – Le montagne – Mondadori

Lungo le linee di produzione di nuova crosta, si producono dei corrugamenti detti "rift" che sono i progenitori di nuovi oceani.

Grafico da: La tettonica delle
placche - Zanichelli

In prossimità dello scontro tra zolle continentali invece, si producono catene montuose la cui altezza varia in funzione dell'età. Gli agenti atmosferici contrastano infatti l'innalzamento degli strati di roccia fino a ridurli completamente. Senza la loro azione le Alpi sarebbero alte più di 25.000 metri.
  Diversamente senza l'azione costante di produzione dovuta alla produzione di nuova crosta terrestre, nel giro di 65 milioni di anni ogni rilievo finirebbe in mare ridotto in sabbia, modificando così definitivamente l'habitat del pianeta.

Grafico da: Quark – Hachette Rusconi
Il calore presente all'interno del pianeta, che raggiunge circa 6000° nel nucleo, evidenziato dall'attività vulcanica e dalle zone termali spiega l'esistenza di materiale roccioso fluido sul quale "navigano" i continenti.


Immagine dell'autore

Il calore interno del pianeta, sembra sia dovuto in parte al residuo raffreddamento del pianeta inizialmente costituito interamente da roccia fusa, in parte dal decadimento della radioattività naturale. Lungo le zone di "subduzione", dove la crosta si immerge al di sotto delle placche continentali, inoltre, avviene un forte riscaldamento causato dai tremendi attriti in gioco tra le rocce.

Grafico da: I regni della Vita – Le montagne – Mondadori
Lo studio delle tracce sismiche ha quindi consentito l'elaborazione di nuove teorie che hanno consentito la realizzazione di una mappatura dell'interno del pianeta e di ipotizzare i meccanismi che producono il magnetismo terrestre.


 
Sondaggi
Ritieni che avere più informazioni sul terremoto possa essere utile ad affrontare l'evento?
 
Links
I.E.S.N.
Rete Sismica Sperimentale Italiana
Protezione Civile
Portale della protezione civile della regione Friuli Venezia Giulia
Regione
Riferimento della regione autonoma del Friuli Venezia Giuglia.
A.R.I.
Associazione di radioamatori italiani.
C.R.S.
Centro Ricerche Sismologiche di Udine.
O.G.S.
Osservatorio Geofisico Sperimentale - Sede di Trieste
Comune di Pozzuolo
Sito del Comune di Pozzuolo del Friuli
Osservatorio Sismico Apuano
Osservatorio per la ricerca e lo studio del fenomeno sismico.
Meteo Basaldella
Sito della stazione meteorologica amatoriale di Basaldella